Banner

martedì 6 ottobre 2015

Tortolì, sito archeologico S'Ortali e su Monti-The archaeological complex of S'Ortali e su Monti


Tortolì , sito archeologico S'Ortali e su Monti
Il complesso archeologico sorge su una collina di granito che domina una vasta pianura nel litorale del lido di Orrì a Tortolì.
Il sito comprende un nuraghe trilobato, un villaggio, due tombe di giganti, dell'età del Bronzo medio e recente (1400-1300 a.C) e un allineamento di menhir e una domus de janas appartenenti al preesistente insiediamento del neolitico. Appartengono allo stesso insediamento del neolitico la tomba ipogeica nel pressi della chiesa campestre di San Salvatoree diversi menhir abbandonati nello spiazzo della chiesa. La necropoli ipogeica di Monte Terli, nella collina antistante conferma la frequentazione della pianura e la vocazione agricola del territorio.
Durante l'età del Bronzo gli insediamenti abitativi si sposano sulle colline e sugli altopiani, denominati tacchi, che presidiano la linea di costa e l'entroterra collegato al territorio montagnoso. La costruzione del nuraghe de S'Ortali e Su Monti poteva garantire il controllo del territorio e gestire le risorse produttive della zona.
Tra la fine dell'età del Bronzo e la prima età del Ferro (1200-900 aC) fu potenziata l'attività produttiva nella pianura e le capanne attorno al nuraghe vennero utilizzate per conservare grandi quantità di graminacee. All'interno delle capanne sono stati trovati numerosi contenitori di grandi dimensioni per la conservazone di graminacee, macine, pestelli e un piano rialzato sopra il quale furono realizzati diversi piccoli silos cilindrici delimitati da muru e pareti isilate con argilla per coservare il racolto, e resti di semi di grano in buono stato di conservazione.
The archaeological complex of S'Ortali e su Monti
The archaeological complex stands on a hill of granite that dominates a plain ant tha coastal stretch of Orrì. It comprises a complex nuraghe, a village and 2 giant's tombs. The nuraghe settlement dates back to the middle and late Bronze Age (1400-1300 BC) and lies above the prevoius neolithic settlement, as can be seen by an underground burial chamber and some menhirs that are still upright. The underground burial chamber and some menhirs near the San Salvatore church belong to the same neolithic settlement. The underground burial chamber of Monte Terli, in front of the hill, is further proof that the locations was settled in ancient times becaus of the fertile plain.
During the bronze age the settlements moved to the hills and the plateaus, known as tacchi, which border the coastline and the hinterland connected to the mountainous area. The complex nuraghe S'Ortali e Su Monti could control the surrounding area and manage the plain's important productive resources. during the Final Bronze Age and The Early Iron Age (1200-900 B.C.) food production increased in the plain and the huts build around nuraghe were used to store large quantities of graminaceus plants. evidence of storage is provided by the numerous millstones, pestles and by a mezzanine floor with cylindrical silos, delimited by walls and insulated with clay. The archaeological excavation has discovered well-preserved wheat seed inside them.
 
da “L'ogliastra, archeologia”-Regione Sardegna