Banner

sabato 27 dicembre 2014

Cattedrale di San Nicola – Sassari


In Piazza del Duomo, nel cuore del centro storico di Sassari si trova la cattedrale di San Nicola, meglio conosciuta come il Duomo della città. Essa è consacrata a San Nicola di Mira ed è sede dell’arcidiocesi di Sassari. La cattedrale di San Nicola è la chiesa principale della città di Sassari ed è sede della cattedra dell’arcivescovo metropolita dell’arcidiocesi di Sassari. L'esistenza di una chiesa dedicata a San Nicola a Sassari si fa risalire gà al XII secolo, essendo citata in un documento monastico, il ‘Condaghe di san Pietro di Silki’, e sorge su un preesistente edificio paleocristiano, i cui resti sono visibili sotto l'attuale abside. Tale chiesa venne poi ricostruita nel XIII secolo in stile romanico-pisano.
La pieve (chiesa al centro di una circoscrizione territoriale civile e religiosa) di San Nicola rimase l'unica parrocchiale di Sassari fino al 1278, anno in cui furono istituite altre parrocchie in città. In seguito al trasferimento della cattedra vescovile da Porto Torres a Sassari nel 1441, anno in cui la pieve di san Nicola venne innalzata al rango di cattedrale, la chiesa venne radicalmente rinnovata in stile gotico-catalano. Nel XVII secolo venne demolita la prima delle tre campate del tempio per problemi di stabilità. Tra il XVII e il XVIII secolo si edificò l'attuale facciata della cattedrale in stile barocco.
La cattedrale si presenta con un alto campanile che si eleva sul fianco sinistro, la cui base, a canna quadrata, ornata da archetti pensili, bifore e monofore, costituisce quasi tutto ciò che resta dell'antica pieve romanica. Al di sopra del campanile si innalza una snella torretta ottagonale a cupola, aggiunta nel Settecento.

L'elemento che più colpisce è il prospetto principale del tempio, in stile barocco, col suo trionfo di decorazioni. Tale facciata è distinta in tre livelli: nel primo si apre un portico a tre archi a tutto sesto, nel secondo tre nicchie riccamente ornate ospitano le statue dei tre santi martiri turritani (i santi Gavino, Proto, Gianuario martirizzati presso la città di Porto Torres nel IV sec. Le loro reliquie sono conservate nella Basilica di San Gavino a Porto Torres). Nel terzo e ultimo livello si apre la nicchia con la statua di san Nicola. Chiude la facciata una scultura del Padreterno, all'apice del fastigio curvilineo.